Un-wearable landscapes

Anno: 2013
Tecniche: taglio al plasma, patina, stampa a secco
Materiali: rame, tessuto, carta Hahnemühle

Il progetto indaga il concetto di mappa immaginativa. Il verde degli ossidi rimanda alle carte geografiche fisiche. La mappa realizzata non esiste nella realtà. Indossare una mappa è impossibile a meno che non si voglia trasferirla nella propria interiorità. Trasferire una esperienza all'interno della propria coscienza, chiudersi alle influenze del mondo esterno, acquistare maggiore intensità di vita spirituale.
L'opera è stata realizzata nel 2014 in occasione dell'invito alla partecipazione della mostra “Riflessi della materia”, della galleria Philobiblon.
La mostra è stata dedicata all’incisione italiana e internazionale contemporanea e rappresenta le molteplici potenzialità degli strumenti tecnici che sono base ed essenza dell’immagine incisa – scelta delle matrici e dei supporti finali, procedimenti di stampa, combinazione diversa di più tecniche. Arte incisoria che non rimane confinata nei margini bidimensionali del supporto cartaceo e che si scoprirà ulteriormente sviluppata per dare vita a lavori di carattere installativo, scultoreo e video.
Foto: Carlo Terenzi
Modella: Adele Buondonno

Successivamente presentata, al Fuorisalone 2015 nell'esposizione curata da Gallery on the move a MILANO, a PARCOURS BIJOUX 2020 a cura di ADORNMENT ARTJEWELRY per la collettiva "Human Space Identity" alla Galerie Sophie etc. a Parigi, in parte a BEFREE a cura di A. Cappellieri per Homi Fashion&Jewels a Milano